Artiglieria navale

Esperienze significative... e non, da condividere con gli appassionati!

Artiglieria navale

Messaggioda OLI » 09/10/2013, 15:37

Amici chiedo scusa se mi dilungo in questo dibattito ma credo sia opportuno chiarire un aspetto. E' venuto fuori un dubbio sulla carronata ed io vorrei sottoporre l'analisi fatta su internet per capirci qualche cosa.Gli spagnoli così descrivono le armi:

L'obice (o obizzo in una forma più arcaica) è un'arma da fuoco di grosso calibro, impiegata prevalentemente per il "tiro indiretto" sui bersagli. Inventato dal padovano Pio Enea I Degli Obizzi (da qui il nome obice) attorno al 1570. Nel tiro di artiglieria le parabole descritte dai proietti si distinguono in primo e secondo arco. Il primo arco parte dalla linea retta teorica che si otterrebbe per il tiro ad alzo zero, fino alla parabola che consente al proiettile di raggiungere la distanza (gittata) maggiore, idealmente 45° in realtà un po' di meno a causa della resistenza dell'aria. Caratteristica distintiva dell'obice rispetto al cannone è la capacità di effettuare tiri sia con il primo arco che con il secondo. Il mortaio di norma spara solo con il secondo arco. In conseguenza di un utilizzo prevalente con il secondo arco gli obici hanno una lunghezza relativa della canna (lunghezza assoluta/calibro) inferiore rispetto ai cannoni.

Obice.png
Obice.png (20.72 KiB) Osservato 2956 volte


Per cannone si intende una bocca da fuoco che spara a tiro diretto (nel primo arco della parabola), quindi deve avere una velocità alla bocca relativamente elevata. Questo comporta, morfologicamente, che la canna del cannone deve avere una lunghezza maggiore di quella di un obice. In linea di massima in artiglieria sono indicati come cannoni le armi che hanno una lunghezza della canna superiore a 30 calibri. La classificazione delle armi di artiglieria in cannoni e obici risale al generale Gribeuval , che definì nel 1774 come cannoni le armi che sparavano a palla piena ed obici quelle che invece usavano granate.

Canon.png
Canon.png (31.64 KiB) Osservato 2956 volte


Il carronade è un pezzo di artiglieria, tagli navale, inizialmente progettato per le forze di terra nel 1774 dal generale Robert Melvilley poi perfezionato dalla società Carron . Il loro adattamento al porto turistico dove aveva la sua massima altezza è stata fatta dal generale Gascoine 1779 . La sua caratteristica principale era che diferenciatoria è stato montato su una piattaforma che si muove con il rinculo. Anche se i primi prototipi seguito il tradizionale sistema montato su un armonia. Con un grosso calibro compreso tra 5,4 e 7,8 sono stati molto più breve rispetto pistole normale, ma navali di alto calibro e potenza, i proiettili erano carronate proiettili preferibilmente vuoto, proiettili per rompere il sartiame e schegge. La sua posizione era sulla piattaforma a disposizione più facilmente nella sua maneggevolezza e sicurezza. Il suo inconveniente principale è che era meno potente rispetto ad altri tipi di canyon marino.

howitzer.png
howitzer.png (50.19 KiB) Osservato 2956 volte


In Spagna è stato testato dalla nave Santa Ana per la prima volta e il suo utilizzo non è molto diffuso nei vasi della marina, le navi di classe inferiore solo, la stessa della Santissima Trinità era armato con 18 carronate.

La carronata o il carronade (come viene chiamato questo pezzo dagli spagnoli) che cosa è?
Una canna o un tipo di cannone?

Su internet c'è questa definizione:

La carronata era un tipo di cannone navale ad avancarica a corta gittata, spesso collocato sui ponti delle navi, in uso fra il 1779 ed i primi decenni del XIX secolo. Acquistò particolare popolarità fra le marine nazionali e i corsari nel periodo delle guerre napoleoniche, in particolare relazione alle tattiche di combattimento ravvicinato. La successiva introduzione della blindatura delle fiancate delle navi da guerra e lo sviluppo dell'artiglieria navale a lunga gittata (e delle tecniche di combattimento correlate) ne causarono il progressivo abbandono durante la prima metà del XIX secolo.

Lo stesso articolo continua con

La carronata veniva montata su un affusto a slitta, invece che su uno a carrello come nel caso dei cannoni lunghi: la forma della slitta faceva sì che la carronata venisse spinta dal rinculo su un piano inclinato verso l'alto, sfruttando la gravità per contrastare la spinta causata dallo sparo. Lo stesso peso dell’arma, combinato con la presenza del piano inclinato, la riportava in posizione di tiro. In questo modo lo spazio complessivo sul ponte richiesto da una carronata era minore di quello necessario per l'utilizzo di un cannone tradizionale e veniva eliminato il tempo (e il personale) richiesto per rimettere il cannone in batteria.
L'alzo dell'arma veniva regolato attraverso un meccanismo a vite invece che con palanchini o cunei (richiedendo quindi meno personale per le specifiche operazioni di puntamento).

La carronata veniva collegata all'affusto tramite un singolo perno sottostante il corpo del cannone invece che con i tradizionali orecchioni laterali: queste caratteristiche strutturali facevano sì che l'arma avesse un centro di gravità piuttosto alto. Per ovviare a questo inconveniente venne in seguito reintrodotto il sistema di aggancio all'affusto mediante il tradizionale sistema degli orecchioni, dando origine alla variante chiamata in inglese gunnade.


Mio pare che anche qui si faccia confusione tra tipo di cannone e tipo di canna!
Secondo me la definizione di carronata non è certo limpida!
In Russia questa è il cannone carronata.

Carronata Russa.jpg
Carronata Russa.jpg (58.66 KiB) Osservato 2956 volte


Mi farebbe piacere addivenire con voi ad una soluzione che metta tutti d'accordo almeno in modellismo!
Grazie
OLI
Avatar utente
OLI
 
Messaggi: 681
Iscritto il: 21/12/2012, 10:43

Torna a Esperienze modellistiche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite