Le Sphinx

Sono qui illustrate le fasi di costruzione a partire dai kit contenuti nelle scatole di montaggio, o anche da kit da edicola.

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 11/11/2019, 16:18

Ecco gli interruttori dei motori sul loro supporto.

787E69C3-B5C4-4F7A-8939-30040A6F23F3.jpeg
787E69C3-B5C4-4F7A-8939-30040A6F23F3.jpeg (251.24 KiB) Osservato 406 volte

Il ponte di prua incollato.

F75EDADA-E762-4533-8347-5D72704C4373.jpeg
F75EDADA-E762-4533-8347-5D72704C4373.jpeg (217.21 KiB) Osservato 406 volte


Ho realizzato le murate in plasticard (stirene) anziché utilizzare quelle in compensato da 1 mm. in dotazione del kit. Infatti, per quanto non ami molto la plastica, in questo caso, mi ha fatto davvero comodo perché a poppa le murate fanno una curva molto stretta e lo stirene si piega docilmente senza rompersi come rischierebbe di fare il compensato. Una volta ritagliati tutti i segmenti, li ho incollati con cianoacrilato gel, ripassando poi tutto il perimetro di contatto con ciano liquido che, per capillarità, è penetrato facendo aderire all’istante le murate già posizionate.

308F596C-E7E2-4CC5-97CB-E7368F294272.jpeg
308F596C-E7E2-4CC5-97CB-E7368F294272.jpeg (328.75 KiB) Osservato 406 volte


Ho letto anch’io che il modello dovrebbe pesare circa 7,5 Kg. Penso che dovrò aggiungere un bel pò di zavorra anche perché, visto che i due motori a 7,2 V. fanno un numero di giri elevato, ho deciso di sottoalimentarli a 4,8 V. quindi non metto una batteria al piombo che mi sarebbe servita anche come peso, ma due pacchetti cubici che si incastrano bene sul fondo tra le ordinate, ma che pesano molto meno del piombo... Vedremo... :roll:
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 12/11/2019, 23:37

Mentre sono assalita da mille dubbi riguardo alla motorizzazione e alle batterie, vado avanti con il cantiere.
Nei giorni scorsi mi ero dedicata anche alla stuccatura delle imperfezioni, operazione eseguita usando normalissimo stucco “francese” in pasta per muri. E’ vero che questo tipo di stucco si scioglie con l’acqua, ma, dopo la resinatura, si solidifica e diventa un corpo unico con lo scafo. Ormai lo uso con soddisfazione su tutti i miei modelli e, trattato a dovere, non mi ha mai dato problemi. Dopo un’accurata carteggiatura, ho dato una prima mano di resina epossidica sullo scafo.

35598C9C-C3DE-45BD-9990-8A4A9CB18CD4.jpeg
35598C9C-C3DE-45BD-9990-8A4A9CB18CD4.jpeg (87.26 KiB) Osservato 397 volte
E65B25F5-BAE4-4E42-9987-E731C3D6DF9E.jpeg
E65B25F5-BAE4-4E42-9987-E731C3D6DF9E.jpeg (125.88 KiB) Osservato 397 volte

Saluti e alla prossima.
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

Re: Le Sphinx

Messaggioda alimurimeta » 13/11/2019, 8:48

Ciao Francesca, come sempre un ottimo lavoro, raccontato come se fossimo seduti nel tuo laboratorio. BRAVA :!:

Per quanto riguarda zavorra e batterie, io uso pesi da sub e batterie lipo. Il problema della tensione dei motori è facile da risolvere: usa batterie da 2S lipo e poi regola la quantità di "gas" ai motori con le impostazioni della radio. Ti porto un esempio: se hai una macchina di grossa cilindrata (come batterie e motori con alto voltaggio), non vuol dire che devi spingerla al massimo. Basta tenere il piede "leggero" sull'acceleratore. ;)
    Francesco G. alias ALIMURIMETA
Immagine
Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
alimurimeta
 
Messaggi: 1135
Iscritto il: 01/06/2013, 9:51

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 14/11/2019, 23:30

alimurimeta ha scritto:Ciao Francesca, come sempre un ottimo lavoro, raccontato come se fossimo seduti nel tuo laboratorio. BRAVA :!:

Per quanto riguarda zavorra e batterie, io uso pesi da sub e batterie lipo. Il problema della tensione dei motori è facile da risolvere: usa batterie da 2S lipo e poi regola la quantità di "gas" ai motori con le impostazioni della radio. Ti porto un esempio: se hai una macchina di grossa cilindrata (come batterie e motori con alto voltaggio), non vuol dire che devi spingerla al massimo. Basta tenere il piede "leggero" sull'acceleratore. ;)

Caro Franci, fino ad oggi sono riuscita a tenermi lontano dalle batterie tipo che detesto e che caparbiamente non userò mai. Del resto mi seccherebbe mandare a fuoco il laboratorio che è in un convento del '400 con soffitti di legno, i miei vicini non me lo perdonerebbero.. :twisted: . :lol:
Scherzi a parte, un'ideuzza su come superare il problema me la sono fatta ma, per ora, vado avanti col cantiere.
Ho incollato la murata di prua con cianoacrilato (attack) sia gel che liquido: una bella impresa perché il materiale è compensato da 1 mm. di spessore. Dopo il primo incollaggio come detto, per rinforzare il tutto, ho ripassato tutto il bordo con resina epossidica caricata con microsfere di vetro cave.

P1020039.jpg
P1020039.jpg (216.18 KiB) Osservato 381 volte
P1020040.jpg
P1020040.jpg (239.24 KiB) Osservato 381 volte

Prossimamente dovrò incollare le due barre antirollìo allo scafo ma, visto che sono fatte di un listello massiccio di tiglio (circa 10 mm.x 6mm.), dopo averle tenute a bagno nell'acqua per due giorni e aver rilevato la forma dello scafo nel punto in cui andranno posizionate, le ho messe ad asciugare su una tavoletta di legno incastrate fra tre chiodini a contrasto in modo da conferire la leggera curvatura di cui hanno bisogno per aderire perfettamente al profilo dello scafo.

P1020038.jpg
P1020038.jpg (220.23 KiB) Osservato 381 volte

Alla prossima
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 26/11/2019, 0:18

Per diversificare il lavoro, ho deciso di dedicarmi un pò alla risoluzione del problema dei pesi. Visto che lo scafo è stretto e lungo e le sovrastrutture sono abbastanza alte, occorre non caricare troppi pesi in alto per evitare un eccessivo rollio se non addirittura il ribaltamento o scuffia.
Alcuni accessori in dotazione, come per esempio, le maniche a vento, sono di metallo pesantissimo.

P1020043.jpg
P1020043.jpg (253.12 KiB) Osservato 349 volte

Così ho deciso di fare delle copie in resina. Ho acquistato quindi una gomma siliconi da colata traslucida a due componenti in parti uguali.
Ho costruito una scatoletta di cartone e vi ho deposto tutte le maniche a vento di metallo (errore!! :roll: ) dopo di che vi ho colato dentro la gomma siliconica.

P1020045.jpg
P1020045.jpg (248.04 KiB) Osservato 349 volte

Una volta vulcanizzata la gomma, ho demolito la scatoletta e mi è rimasto un bel cubo con incluse le maniche a vento che non sapevo come fare per estrarre... :evil: Per fortuna, essendo la gomma semi trasparente, ho avuto la possibilità di vederle abbastanza bene, quindi con un taglierino ho tagliato tanti parallelepipedi con le preziose inclusioni e ho eseguito su ognuno un ulteriore taglio longitudinale in modo da ottenere delle semi-valve da cui è stato possibile estrarre gli originali. Ho, quindi colato negli stampi la resina epossidica e il giorno successivo, a resina polimerizzata perfettamente, ho aperto i gusci ed ho estratto le repliche in resina. Risultato non proprio perfetto, ma devo dire piuttosto soddisfacente per essere la prima volta :D La prossima volta farò uno stampo piccolo alla volta.

P1020046.jpg
P1020046.jpg (196.42 KiB) Osservato 349 volte

P1020048.jpg
P1020048.jpg (212.75 KiB) Osservato 349 volte

Ho controllato i pesi: una differenza abissale, le maniche a vento in resina rispetto a quelle in metallo sono davvero delle piume!

P1020049.jpg
P1020049.jpg (261.82 KiB) Osservato 349 volte
P1020050.jpg
P1020050.jpg (277.13 KiB) Osservato 349 volte
P1020051.jpg
P1020051.jpg (265.41 KiB) Osservato 349 volte
P1020052.jpg
P1020052.jpg (240.5 KiB) Osservato 349 volte
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

Re: Le Sphinx

Messaggioda alimurimeta » 26/11/2019, 8:21

Ottimo risultato Francesca. Anch'io ho usato la gomma siliconica traslucida per realizzare stampi complessi. Funziona bene.
Un consiglio : per ridurre la presenza di bolle nei pezzi "clone", io procedo colando una piccola quantità di resina poliuretanica ottenendo una prima bagnatura dello stampo. Poi la scarico prima che solidifichi e procedo ad una seconda colatura definitiva. In tal modo riduco la possibilità di avere bolle nella superficie dei pezzi, soprattutto nelle parti in "sottosquadro".
    Francesco G. alias ALIMURIMETA
Immagine
Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
alimurimeta
 
Messaggi: 1135
Iscritto il: 01/06/2013, 9:51

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 26/11/2019, 9:45

alimurimeta ha scritto:Ottimo risultato Francesca. Anch'io ho usato la gomma siliconica traslucida per realizzare stampi complessi. Funziona bene.
Un consiglio : per ridurre la presenza di bolle nei pezzi "clone", io procedo colando una piccola quantità di resina poliuretanica ottenendo una prima bagnatura dello stampo. Poi la scarico prima che solidifichi e procedo ad una seconda colatura definitiva. In tal modo riduco la possibilità di avere bolle nella superficie dei pezzi, soprattutto nelle parti in "sottosquadro".

Ottimo consiglio, grazie, per i prossimi stampi farò così :D
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

Re: Le Sphinx

Messaggioda pietro48 » 28/11/2019, 18:47

Ciao Francesca splendido lavoro :D.
Condivido e temo un possibile ribaltamento o scuffia :x .
Non potendo aggiungere molto peso in basso alla chiglia, stavo pensando ad un sistema rimovibile, di barra anti rollio di maggiori dimensioni al fine di aumentare la stabilità.
Cosa ne pensi?
Avatar utente
pietro48
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 25/06/2019, 15:23
Località: sicilia

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 28/11/2019, 23:02

Grazie Pietro. In effetti il tuo Sphinx dotato di motore a vapore sarà già sufficientemente pesante. Sì, la barra antirollio più grande potrebbe aiutare ma non credo sia risolutiva. Mi viene in mente il giroscopio, quello potrebbe tenere in equilibrio lo scafo ma, dal punto di vista pratico, non saprei come applicarlo :roll: però il giroscopio che viene usato anche dei modelli di elicotteri e di droni potrebbe essere una soluzione...
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

Re: Le Sphinx

Messaggioda Francesca » 29/11/2019, 23:36

Le barre antirollio sono state montate e incollate al loro posto con resina epossidica dopo avere inserito su ognuna tre tondini in acciaio.

P1020042.jpg
P1020042.jpg (211.73 KiB) Osservato 285 volte

Sull'esterno dello scafo ho passato a pennello due ulteriori mani di resina epossidica, la prima caricata con Microfiller Powdwer (microsfere di vetro cave), la seconda caricata solo con addensante per evitare colature. A questo punto lo scafo, tra interno ed esterno, è stato sufficientemente impermeabilizzato con cinque mani di resina epossidica.
Ed ora è giunto il momento di carteggiare la resina. Questa operazione si esegue "a bagnato", cioè con carta abrasiva di varie granulometrie, la più sottile è grana 400, sciacquando di tanto in tanto con una spugna imbevuta d'acqua. La finitura finale l'ho eseguita invece a secco per meglio vedere eventuali avvallamenti.

P1020053.jpg
P1020053.jpg (230.84 KiB) Osservato 285 volte

Alla fine la superficie dello scafo è diventata opaca ma liscia come il velluto :lol:

P1020054.jpg
P1020054.jpg (230.9 KiB) Osservato 285 volte

A questo punto ho iniziato a preparare i montanti delle murate in compensato di betulla da 1 mm. sui quali è stato eseguito un piccolo scasso dentro al quale ho incollato dei tondini di acciaio da 0,8 mm.

P1020056.jpg
P1020056.jpg (367.83 KiB) Osservato 285 volte

Questi montanti sono stati quindi incollati sui bordi delle murate, avendo inserito i tondini d'acciaio nei rispettivi fori eseguiti sul ponte.

P1020057.jpg
P1020057.jpg (234.41 KiB) Osservato 285 volte

Alla prossima.
Francesca

Immagine
Immagine
Avatar utente
Francesca
 
Messaggi: 1220
Iscritto il: 18/12/2012, 23:55
Località: Roma

PrecedenteProssimo

Torna a Costruzione da Kit

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite